Blog

La_classe_virtuale_

La classe virtuale per i crediti formativi

Pubblicato da Emanuele Pucci | 07/apr/2014

Sono molte in Italia le professioni che periodicamente necessitano di aggiornamento: CNF, commercialisti, consulenti del lavoro, architetti, ingegneri… e molti altri ancora.

Purtroppo, lo sappiamo tutti, il lavoro, gli impegni della professione sono spesso preponderanti alle necessità di aggiornamento. Mi è capitato moltissime volte di sentire colleghi affermare: “… sì, ho pagato la quota per il Convegno, ma poi non son potuto andare”. Ed è lo stesso per i necessari appuntamenti formativi.

Assistiamo però a due fenomeni per fortuna convergenti: la difficoltà di riunire tanti professionisti nella stessa aula, e questo per problemi di tempo, di agende, di costi fisici dell’organizzazione; la maggiore dimestichezza con i dispositivi digitali che oggi popolano le nostre scrivanie di lavoro e di casa: tablet, smarphone, laptop sono oggi di utilizzo sempre più frequente per tutte le categorie.

Queste due tendenze, che ho detto prima convergenti, possono suggerire un maggior utilizzo della classe virtuale. Di cosa si tratta? È la replica telematica di un’aula di formazione. Con la classe virtuale è  quindi possibile tenere una lezione a distanza, collegando utenti da ogni dove e permettendo loro di intervenire in audio, video, chat e condividendo immagini, filmati documenti. E perfino registrando l’incontro, se lo si desidera.

live-new_1

Non bisogna rinunciare alle ore preziose da passare in ufficio, né sobbarcarsi viaggi da un capo all’altro della città o, nei casi peggiori, da un capo all’altro del Paese. Ciascun discente si collega da dove è più comodo e segue il corso con il massimo dell’interattività e del coinvolgimento.

Da molti anni, nella mia azienda, ci occupiamo di formazione a distanza, e nel tempo – proprio per venire incontro all’esigenza dei clienti, abbiamo messo a punto una soluzione di aula virtuale che è semplice da gestire e da fruire.

La nostra soluzione permette di tracciare ogni aspetto della formazione dell’utente, dal tempo di permanenza ai questionari in diretta.

Per accreditare corsi di formazione svolti in classe virtuale, gli ordini professionali richiedono queste condizioni:

– consentire agli iscritti di svolgere il proprio percorso formativo attraverso l’interazione con un docente e con altri partecipanti;
– Sistemi di controllo della partecipazione (tracciabilità della presenza utilizzando il pulsante “inizia lezione”);
– almeno 2 domande a risposta multipla, che devono apparire “a sorpresa” con un tempo massimo di risposta con il tracciamento delle risposte giuste e sbagliate in tempo reale;
– materiale didattico da scaricare in tempo reale durante la lezione;
Tutte cose possibili con la classe virtuale Teleskill.

Un altro motivo per preferire la classe virtuale? L’assenza del costo di produzione e quindi la possibilità di fornire lezioni sempre al passo dei tempi e delle normative.

L’aula virtuale rappresenta oggi, quindi, un migliore e più sicuro investimento per i formatori e un valido e conveniente strumento per chi si deve aggiornare. Senza togliere nulla, anzi, spesso migliorando, tutto ciò che una classe deve avere: partecipazione, condivisione, coinvolgimento, interazione.

La registrazione evoluta, poi, disponibile anche in formato SCORM, permette di registrare l’evento scegliendo il formato desiderato selezionando solo le finestre utili ad una visualizzazione on-demand

COMMENTI