Come rendere social una corso in piattaforma LMS

consigli-utili
Ti trovi in:

Consigli utili per la formazione a distanza nell’era dei social network

In tema di apprendimento a distanza si sente sempre più di frequente l’utilizzo di termini come e-learning 2.0 e di social learning. Si tratta di rendere i contenuti formativi presenti in piattaforma LMS condivisibili, ma anche di un nuovo modo di fare formazione a distanza usando il coinvolgimento dei discenti attraverso i social network.
Forse non ci hai mai pensato, ma la tua piattaforma LMS unita a meccanismi e tecnologie social, possono essere il modo migliore per rendere la formazione a distanza viva e interattiva e simulare maggiormente ciò che avviene in un’aula fisica, con la lezione (aula virtuale), i gruppi di lavoro (comunità di pratica e condivisione dei documenti per il lavoro collaborativo), la biblioteca (mediateca e digital library), lo scambio di idee tra i discenti (il forum e videoconferenza), sessioni plenarie (Webinar), etc.
Con la piattaforma LMS di Teleskill si può ottenere una modalità di formazione a distanza in cui docente e discente entrano in una relazione collaborativa, partecipativa. Il docente si occupa di organizzare i contenuti formativi, il percorso, che può anche essere misto (“blended”), composto cioè da corsi e-learning tradizionali (registrati) e da classi virtuali in diretta. Il discente ne usufruisce, ma non è più passivo: può esprimere un gradimento sui contenuti tramite sondaggio, rispondere a questionari in diretta tracciati, può accedere ai forum creati per ogni corso e dialogare con insegnanti e colleghi, può condividere sui social network contenuti formativi, può usufruire di webinar realizzati magari solo per studenti con esigenze particolari. Anche la classe virtuale, nell’e-learning 2.0, è del tutto interattiva e costituisce una fedele replica telematica di una lezione tradizionale. Con questo, intendo la possibilità di fare domande in tempo reale, di condividere documenti, eseguire esercizi, lavorare su un unico documento, reperire testi dalla Mediateca del corso. E ancora: la possibilità di registrare autonomamente classi virtuali o video-lezioni del docente e trasformarli con facilità in corsi SCORM, utili quindi per essere inseriti da subito nella piattaforma LMS.
La piattaforma LMS di Teleskill offre quindi la possibilità di offrire percorsi formativi/informativi personalizzati e studiati in base alle esigenze dei discenti e quindi dell’organizzazione nel suo complesso. Commentare, dare un giudizio su un corso o su un post scritto da un utente, conoscere i temi caldi dei forum… sono tutte attività di cui si può avere una tracciatura completa. Con la piattaforma LMS di Teleskill si può personalizzare sempre meglio i contenuti e realizzare quindi una migliore esperienza formativa.
Ma perché il social è così importante in una piattaforma LMS?
È presto detto. Nell’era dei social l’utente è abituato a essere al “centro”: nella comunicazione, nella fruizione ma anche nella creazione di contenuti e si aspetta una gratificazione personale, un riconoscimento. La piattaforma LMS di Teleskill permette tutto questo. È ovvio come un simile strumento possa essere di grandissimo interesse per un’azienda. Oggi tutto cambia rapidamente, le stesse tecniche di vendita di un prodotto necessitano di essere aggiornate con rapidità. Ecco allora che formazione a distanza, webinar, aula virtuale, comunità di pratica possono essere di immenso aiuto nell’aggiornamento, ad esempio, a una rete di agenti sparsa sul territorio.
Un consiglio in più. È importante comprendere che il social learning è uno strumento che ogni realtà può gestire in base al proprio mercato di riferimento e che permette di “invertire” il processo comunicativo. Per un’azienda può essere la catalogazione di best practices, per una facoltà universitaria la condivisione di seminari internazionali, per un’associazione la registrazione di un meeting… gli esempi sono infiniti. Docenti o discenti generano contenuti organizzabili, condivisibili, aggiornabili con la stessa semplicità con cui comunichiamo ogni giorno sul web. Questa è la cosa più importante: formare con efficacia, ma con semplicità, utilizzando gli strumenti che l’utente già conosce e che lo rendono parte attiva del processo. Attraverso brevi pillole formative, registrate autonomamente dagli utenti e non corsi docente-discente lunghi ore.